Le leggi della Natura
 

Universo minimale

ReBim 15 Nov 2015 14:29
Ipotizziamo un universo costituito UNICAMENTE da due masse sferiche uguali.
Rispetto a questo universo minimale, mi pongo delle questioni.


1 - E' possibile che le due masse rimangano nel tempo a distanza costante tra
loro? Parrebbe che a questa domanda si possa rispondere si, in quanto basta che
il sistema ruoti intorno al suo baricentro con opportuna velocità angolare. Ma
allora: come individuare il sistema di riferimento inerziale rispetto al quale
il sistema ruota?


2 - Ipotizziamo che un osservatore posto su una delle due sfere veda l'altra
ruotare intorno al suo asse. Per ragioni di simmetria anche un osservatore
solidale sull'altra sfera vede la prima ruotare intorno ad un asse. La domanda
è: su quale delle due sfere si avvertono forze centrifughe derivanti dalla
rotazione? E prima: ha un senso la domanda?

3 - Supponendo che nulla ostacoli il moto delle due masse ( urti con particelle
sparse nello spazio o altri accidenti *****oghi ) il sistema perde energia
cinetica nel tempo? Si può rispondere dicendo che ciò dipende dalla
deformabilità delle due masse?

Le domande sono sorte tra la mia ragazza ed io, sabato sera, dopo cena.
La quarta domanda è: non sarebbe stato meglio fare dell'altro? ma qui conosco
già la risposta.

:)
ReBim
Soviet_Mario 16 Nov 2015 16:13
Il 15/11/2015 14.29, ReBim ha scritto:
> Ipotizziamo un universo costituito UNICAMENTE da due masse sferiche uguali.
> Rispetto a questo universo minimale, mi pongo delle questioni.
>
>


> 1 - E' possibile che le due masse rimangano nel tempo a distanza costante tra
loro? Parrebbe che a questa domanda si possa rispondere si, in quanto basta che
il sistema ruoti intorno al suo baricentro con opportuna velocità angolare. Ma
allora: come individuare il sistema di riferimento inerziale rispetto al quale
il sistema ruota?
>
>


> 2 - Ipotizziamo che un osservatore posto su una delle due sfere veda l'altra
ruotare intorno al suo asse. Per ragioni di simmetria anche un osservatore
solidale sull'altra sfera vede la prima ruotare intorno ad un asse. La domanda
è: su quale delle due sfere si avvertono forze centrifughe derivanti dalla
rotazione? E prima: ha un senso la domanda?
>

> 3 - Supponendo che nulla ostacoli il moto delle due masse ( urti con
particelle sparse nello spazio o altri accidenti *****oghi ) il sistema perde
energia cinetica nel tempo? Si può rispondere dicendo che ciò dipende dalla
deformabilità delle due masse?
>
> Le domande sono sorte tra la mia ragazza ed io, sabato sera, dopo cena.
> La quarta domanda è: non sarebbe stato meglio fare dell'altro? ma qui conosco
già la risposta.

sposatela !!!!

>
> :)
> ReBim
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
gdm_one 17 Nov 2015 02:44
Il 15/11/2015 14:29, ReBim ha scritto:
> Ipotizziamo un universo costituito UNICAMENTE da due masse sferiche uguali.
> Rispetto a questo universo minimale, mi pongo delle questioni.
>
>
> 1 - E' possibile che le due masse rimangano nel tempo a distanza costante tra
loro? Parrebbe che a questa domanda si possa rispondere si, in quanto basta che
il sistema ruoti intorno al suo baricentro con opportuna velocità angolare. Ma
allora: come individuare il sistema di riferimento inerziale rispetto al quale
il sistema ruota?
>
>
> 2 - Ipotizziamo che un osservatore posto su una delle due sfere veda l'altra
ruotare intorno al suo asse. Per ragioni di simmetria anche un osservatore
solidale sull'altra sfera vede la prima ruotare intorno ad un asse. La domanda
è: su quale delle due sfere si avvertono forze centrifughe derivanti dalla
rotazione? E prima: ha un senso la domanda?
>
> 3 - Supponendo che nulla ostacoli il moto delle due masse ( urti con
particelle sparse nello spazio o altri accidenti *****oghi ) il sistema perde
energia cinetica nel tempo? Si può rispondere dicendo che ciò dipende dalla
deformabilità delle due masse?
>
> Le domande sono sorte tra la mia ragazza ed io, sabato sera, dopo cena.
> La quarta domanda è: non sarebbe stato meglio fare dell'altro? ma qui conosco
già la risposta.
>
> :)
> ReBim
>
Il fisico filosofo Mach si pose questo quesito prima di te, pui trovare
informazioni su Wikipedia da cui ho preso questo estratto:

"Il principio di Mach è una ipotesi formulata dal fisico e filosofo
Ernst Mach nel 1893, che afferma:
L'inerzia di ogni sistema è il risultato dell'interazione del sistema
stesso con il resto dell'universo.
In altre parole, ogni particella presente nel cosmo ha influenza su ogni
altra particella.
Secondo il principio, un osservatore solidale ad un singolo oggetto (per
esempio la Terra) collocato in un universo vuoto, non percepisce alcuna
forza di inerzia, qualunque sia il moto di tale oggetto. "

Mach ebbe grande influenza su Einstein , la sua concezione di spazio si
contrapponeva a quella di Newton ( lo spazio ha una sua essenza al di la
della materia)

--- news://freenews.netfront.net/ - complaints: news@netfront.net ---

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Le leggi della Natura | Tutti i gruppi | it.scienza.fisica | Notizie e discussioni fisica | Fisica Mobile | Servizio di consultazione news.