Le leggi della Natura
 

crittografare l'energia elettrica

TomPi 1 Dic 2015 13:22
Quella di potenza, intendo.

Il problema e' questo: in un posto ideale, il signor Andrea ha una centralina
idroelettrica, e vive producendo energia elettrica, nel senso che la vende a dei
clienti.

Andrea vorrebbe tutelarsi da quelli che gli vogliono rubare la corrente, per cui
gli farebbe comodo un sistema per crittografare l'energia elettrica. In questo
modo, solo quelli ai quali lui comunica una particolare procedura di decodifica
(che cambia spesso) possono usare la sua energia.
Che sistema suggerireste, ad Andrea?


Tenete presente che lui non vorrebbe modificare la sua piccola rete di
distribuzione. E vorrebbe fare in modo che chiunque si collegasse alla sua rete
prima del suo contatore (che puo' anche essere un oggetto complesso, Andrea
infatti e' disposto ad investire su un contatore "robusto"), ottenesse qualcosa
di inutilizzabile.
Soviet_Mario 2 Dic 2015 12:12
Il 01/12/2015 13.22, TomPi ha scritto:
> Quella di potenza, intendo.
>

> Il problema e' questo: in un posto ideale, il signor Andrea ha una centralina
idroelettrica, e vive producendo energia elettrica, nel senso che la vende a dei
clienti.
>

> Andrea vorrebbe tutelarsi da quelli che gli vogliono rubare la corrente, per
cui gli farebbe comodo un sistema per crittografare l'energia elettrica.

uhm, secondo me stai usando il termine crittografare in
un'accezione tutta tua che solo tu sai cosa significhi ...

L'energia elettrica NON è (o meglio non principalmente)
"informazione"

> In questo modo, solo quelli ai quali lui comunica una particolare procedura di
decodifica (che cambia spesso) possono usare la sua energia.
> Che sistema suggerireste, ad Andrea?

strettamente nessuno, a meno che i clienti non siano
disposti ad installare dell'*****ware (di potenza, non solo
gestori di informazioni) dedicato, e magari un "c*****e
indipendente" di controllo.
Ad es. potrebbe erogare energia elettrica di frequenza non
standard e variabile nel corso del giorno con particolari
schemi, e comunicare solo ai clienti autorizzati questa
informazione (che CMQ non è criptata e in chiaro per
chiunque voglia craccarsi l'*****ware, *****izzando da sé la
frequenza con oscilloscopi etc). I clienti dovrebbero avere
installato un raddrizzatore + inverter.
Osservazione : il sistema in realtà funziona anche senza
sapere la frequenza, nel primo sta***** ...

Oppure invece che variare la frequenza, potrebbe erogare con
diverse tensioni non standard, a patto che esistano cose che
facciano la funzione di partitori di tensione programmabili.

Siccome sono ignorante di elettronica non so valutare quanto
sarebbe più o meno conveniente tentare di craccare
ugualmente, con qualche sorta di filtro (almeno per il
taglio "alto" delle tensioni troppo grandi ... per quelle
troppo basse serve un trasformatore a rapporto variabile,
che pure non so se sia commerciale o facile da costruire).


L'unica via semplice è avere utenze con contatori singoli.
Bizzarro ... è la stessa soluzione adottata attualmente.
Chissà che non sia una misteriosa coincidenza ...

>
>


> Tenete presente che lui non vorrebbe modificare la sua piccola rete di
distribuzione. E vorrebbe fare in modo che chiunque si collegasse alla sua rete
prima del suo contatore (che puo' anche essere un oggetto complesso, Andrea
infatti e' disposto ad investire su un contatore "robusto"), ottenesse qualcosa
di inutilizzabile.
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
ADPUF 2 Dic 2015 20:43
TomPi 13:22, martedì 1 dicembre 2015:

> Quella di potenza, intendo.
>
> Il problema e' questo: in un posto ideale, il signor Andrea
> ha una centralina idroelettrica, e vive producendo energia
> elettrica, nel senso che la vende a dei clienti.
>
> Andrea vorrebbe tutelarsi da quelli che gli vogliono rubare
> la corrente, per cui gli farebbe comodo un sistema per
> crittografare l'energia elettrica. In questo modo, solo
> quelli ai quali lui comunica una particolare procedura di
> decodifica (che cambia spesso) possono usare la sua energia.
> Che sistema suggerireste, ad Andrea?
>
>
> Tenete presente che lui non vorrebbe modificare la sua
> piccola rete di distribuzione. E vorrebbe fare in modo che
> chiunque si collegasse alla sua rete prima del suo contatore
> (che puo' anche essere un oggetto complesso, Andrea infatti
> e' disposto ad investire su un contatore "robusto"),
> ottenesse qualcosa di inutilizzabile.


Forse se l'energia elettrica inviata fosse "modificata" e
variasse in frequenza e tensione in modo da danneggiare chi
non ha un "convertitore" adatto comandato da un contatore
decrittatore.

Ma mi pare una complicazione notevole della rete, a monte e a
valle.
Il furto di e.e. si può accertare più facilmente come adesso.


--
AIOE ³¿³
davcod@gmail.com 14 Dic 2015 14:39
Il giorno venerdì 11 dicembre 2015 16:20:04 UTC+1, Bruno Campanini ha scritto:
> TomPi explained on 01-12-15 :
>> Quella di potenza, intendo.
>>
>> Il problema e' questo: in un posto ideale, il signor Andrea ha una
centralina
>> idroelettrica, e vive producendo energia elettrica, nel senso che la vende a

>> dei clienti.
>>
>> Andrea vorrebbe tutelarsi da quelli che gli vogliono rubare la corrente, per

>> cui gli farebbe comodo un sistema per crittografare l'energia elettrica. In
>> questo modo, solo quelli ai quali lui comunica una particolare procedura di
>> decodifica (che cambia spesso) possono usare la sua energia. Che sistema
>> suggerireste, ad Andrea?
>>
>>
>> Tenete presente che lui non vorrebbe modificare la sua piccola rete di
>> distribuzione. E vorrebbe fare in modo che chiunque si collegasse alla sua
>> rete prima del suo contatore (che puo' anche essere un oggetto complesso,
>> Andrea infatti e' disposto ad investire su un contatore "robusto"),
ottenesse
>> qualcosa di inutilizzabile.
>
> Un italiano intende con "sua rete" la rete di Andrea e,
> *****ogamente, con "suo contatore" il contatore di Andrea.
> È questo che intendi?
>


Si' giusto. E' chiaro che siamo nel campo delle ipotesi. Andrea ha una sua rete
di distribuzione di energia elettrica. I contatori che lui da' agli utenti, sono
di sua proprieta' (di Andrea).

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Le leggi della Natura | Tutti i gruppi | it.scienza.fisica | Notizie e discussioni fisica | Fisica Mobile | Servizio di consultazione news.