Le leggi della Natura
 

Chiedo parere su un'ipotesi

Riccardo 21 Giu 2015 23:37
Buongiorno,
Ho avuto un'intuizione che vorrei esporvi.

Non sono un fisico, solo una mente curiosa che ama farsi delle domande.Il doodle
con l'immagine della terra divisa a metà mi ha fatto venire un'intuizione che
vorrei esporvi. Non ho grande dimistichezza coi termini scientifici, ho provato
a fare del mio meglio.

La luna sappiamo che esercita un'azione elettromagnetica che influenza le maree
.

Allo stesso modo è possibile ipotizzare che agisca anche sul magma al di sotto
della crosta terrestre, influenzando l'andamento dei moti convettivi della lava
sotto la crosta stessa.

L'azione della forza elettromagnetica dà dei risultati molto evidenti per via
dello schiacciamento ai poli, che determina delle forti fluttuazioni della forza
di attrazione.

A quanto ho capito l'inclinazione terrestre fa sì che l'attrazione della Luna
abbia un effetto maggiore rispetto al Sole, nonostante la massa molto più
piccola. Il Sole invece, pur avendo una massa maggiore esercita un'influenza
minore

IL Sole anch'esso potrebbe agire a livello elettromagnetico sul magma sotto la
crosta della terra.



Ma a causa del buco nell'ozono,e degli scompensi nel campo che dovrebbe
proteggere l'equilibrio elettromagnetico della terra cio sono delle zone che
non sono schermate dalle radiazioni: da queste zone i raggi UVA e le radiazioni
elettromagnetiche passano indistrubate, creando probabilmente uno scompenso,
probabilmente creando delle zone, sulla crosta terrestre, dove, per via della
mancanza di questa schermatura elettromagnetica che dovrebbe esserci,
l'influesso dell'elettromagnetismo di Sole è Luna è più forte del normale

IPOTESI 1


Se riusciamo ad individuare una sincronia fra i terremoti avvenuti in passato e
le fasi del sole e della luna, potremmo avere uno strumento o un modo per
interpretare il comportamento del magma al sotto della crosta terrestre, e
questo potrebbe indicarci un modo per prevedere eruzioni vulcaniche e terremoti.

Nella crosta terrestre la composizione del terreno non è tutta uguale: ci sono
delle zone dove le rocce sono più dure di altre, ed al tempo stesso hanno un
influsso elettromagnetico superiore rispetto alle altre.


Questo è un dato in più, perchè ci permette di capire in quali zone
l'attrazione elettromagnetica di Sole e Luna viene influenzata dalla
composizione della crosta terrestre. Ad esempio, in una zona composta da un
terreno a forte contenuto ferroso, è possibile ipotizzare che l'attrazione di
Sole e Luna non abbia lo stesso effetto che avrebbe su un terreno più poroso,
magari calcareo.



Individuando le zone dove l'attrazione della del sole e della luna è massima,
potrebbe essere possibile prevedere le zone dove è più probabile avvengano
eruzioni vulcaniche e terremoti. Se il moto della lava fosse influenzato dal
movimento dei pianeti del sistema solare, sarebbe possibile prevedere con
maggior precisione terremoti ed eruzioni vulcaniche.


Ora, se riusciamo ad individuare quelle zone dove l'attrazione del Sole e della
Luna sono al massimo, e allo stesso tempo se quando sono al massimo sono
allineate allo stesso momento con quelle zone della ionosfera che sono state
danneggiate dall'inquinamento,quando c'è questa "sincronia" sarebbe
ipotizzabile pensare che possano avvenire dei fenomeni imprevedibili.

Mi scuso per il linguaggio poco rigoroso, e mi scuso nel caso avessi fatto
doppio post, non sono molto pratico di usenet via web :)

Come ho scritto nell'altro messaggio, mi piacerebbe avere un parere da parte di
persone più colte e dentro la materia di me su questa mia idea. Grazie!
Massimo 456b 22 Giu 2015 14:40
"Riccardo" <maspox@gmail.com> ha scritto nel messaggio
news:287923c7-7d2f-4f6a-96e4-b317cf4577c9@googlegroups.com...
> Buongiorno,
> Ho avuto un'intuizione che vorrei esporvi.
>
> Non sono un fisico, solo una mente curiosa che ama farsi delle domande.Il
> doodle con l'immagine della terra divisa a metà mi ha fatto venire
> un'intuizione che vorrei esporvi. Non ho grande dimistichezza coi termini
> scientifici, ho provato a fare del mio meglio.
>
> La luna sappiamo che esercita un'azione elettromagnetica che influenza le
> maree .

semmai sono gli effetti gravitazionali.
Forti maree causano movimenti d'acqua
negli oceani che a loro volta innescano
situazioni di stress sulle faglie.
Ma non è un metodo previsionale.
Semmai individua una concausa
dei fenomeni estremi della crosta
terrestre. Le maree sono fenomeni
periodici di varia intensità ma sapere
quando una faglia libera l'energia elastica
accumulata per anni o secoli è un'altra
questione.
Comunque grazie per aver esposto
la tua intuizione.
La previsione dei terremoti è una
grossa questione ma bisogna fare
attenzione. Di cassandre ce ne sono
state tante e comunque anche fra gli
scienziati c'è sempre il rischio
del mancato o procurato allarme.

ciao
Massimo
Carlo Pierini 22 Giu 2015 18:29
Il giorno lunedì 22 giugno 2015 10:45:03 UTC+2, Riccardo ha scritto:
> Buongiorno,
> Ho avuto un'intuizione che vorrei esporvi.
>

> Non sono un fisico, solo una mente curiosa che ama farsi delle domande.Il
doodle con l'immagine della terra divisa a metà mi ha fatto venire
un'intuizione che vorrei esporvi. Non ho grande dimistichezza coi termini
scientifici, ho provato a fare del mio meglio.
>
> La luna sappiamo che esercita un'azione elettromagnetica che influenza le
maree .
>

> Allo stesso modo è possibile ipotizzare che agisca anche sul magma al di
sotto della crosta terrestre, influenzando l'andamento dei moti convettivi della
lava sotto la crosta stessa.
>

> L'azione della forza elettromagnetica dà dei risultati molto evidenti per via
dello schiacciamento ai poli, che determina delle forti fluttuazioni della forza
di attrazione.
>

> A quanto ho capito l'inclinazione terrestre fa sì che l'attrazione della Luna
abbia un effetto maggiore rispetto al Sole, nonostante la massa molto più
piccola. Il Sole invece, pur avendo una massa maggiore esercita un'influenza
minore
>
> IL Sole anch'esso potrebbe agire a livello elettromagnetico sul magma sotto la
crosta della terra.
>
>
>



> Ma a causa del buco nell'ozono,e degli scompensi nel campo che dovrebbe
proteggere l'equilibrio elettromagnetico della terra cio sono delle zone che
non sono schermate dalle radiazioni: da queste zone i raggi UVA e le radiazioni
elettromagnetiche passano indistrubate, creando probabilmente uno scompenso,
probabilmente creando delle zone, sulla crosta terrestre, dove, per via della
mancanza di questa schermatura elettromagnetica che dovrebbe esserci,
l'influesso dell'elettromagnetismo di Sole è Luna è più forte del normale
>
> IPOTESI 1
>
>


> Se riusciamo ad individuare una sincronia fra i terremoti avvenuti in passato
e le fasi del sole e della luna, potremmo avere uno strumento o un modo per
interpretare il comportamento del magma al sotto della crosta terrestre, e
questo potrebbe indicarci un modo per prevedere eruzioni vulcaniche e terremoti.
>

> Nella crosta terrestre la composizione del terreno non è tutta uguale: ci
sono delle zone dove le rocce sono più dure di altre, ed al tempo stesso hanno
un influsso elettromagnetico superiore rispetto alle altre.
>
>


> Questo è un dato in più, perchè ci permette di capire in quali zone
l'attrazione elettromagnetica di Sole e Luna viene influenzata dalla
composizione della crosta terrestre. Ad esempio, in una zona composta da un
terreno a forte contenuto ferroso, è possibile ipotizzare che l'attrazione di
Sole e Luna non abbia lo stesso effetto che avrebbe su un terreno più poroso,
magari calcareo.
>
>
>


> Individuando le zone dove l'attrazione della del sole e della luna è massima,
potrebbe essere possibile prevedere le zone dove è più probabile avvengano
eruzioni vulcaniche e terremoti. Se il moto della lava fosse influenzato dal
movimento dei pianeti del sistema solare, sarebbe possibile prevedere con
maggior precisione terremoti ed eruzioni vulcaniche.
>
>


> Ora, se riusciamo ad individuare quelle zone dove l'attrazione del Sole e
della Luna sono al massimo, e allo stesso tempo se quando sono al massimo sono
allineate allo stesso momento con quelle zone della ionosfera che sono state
danneggiate dall'inquinamento,quando c'è questa "sincronia" sarebbe
ipotizzabile pensare che possano avvenire dei fenomeni imprevedibili.
>
> Mi scuso per il linguaggio poco rigoroso, e mi scuso nel caso avessi fatto
doppio post, non sono molto pratico di usenet via web :)
>

> Come ho scritto nell'altro messaggio, mi piacerebbe avere un parere da parte
di persone più colte e dentro la materia di me su questa mia idea. Grazie!
>
CARLO

Intanto dovresti sostituire i termini "azione elettromagnetica" con "azione
gravitazionale", e quindi eliminare le varie considerazioni sul buco dell'ozono
che è del tutto ininfluente sulla gravità.


In secondo luogo, le eruzioni vulcaniche e i terremoti dipendono solo in misura
trascurabile dagli effetti gravitazionali Sole-Luna e in grandissima parte dai
moti convettivi del nucleo terrestre fluido-incandescente (inosservabili e
quindi imprevedibili) e dallo spostamento delle placche o dalla loro pressione
reciproca locale, anch'essa pressoché inosservabile e quindi quasi
imprevedibile.

Insomma, con le conoscenze che possiamo procurarci, la vedo dura che un giorno
saremo in grado di prevedere eruzioni o terremoti con approssimazioni temporali
inferiori al ...ventennio! :-)
abc 23 Giu 2015 19:33
Il 21/06/2015 23.37, Riccardo ha scritto:
> Buongiorno, Ho avuto un'intuizione che vorrei esporvi.

> La luna sappiamo che esercita un'azione elettromagnetica che
> influenza le maree .

Urge un ripassino
https://it.wikipedia.org/wiki/Interazioni_fondamentali

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Le leggi della Natura | Tutti i gruppi | it.scienza.fisica | Notizie e discussioni fisica | Fisica Mobile | Servizio di consultazione news.