Le leggi della Natura
 

neutrini e buchi neri

Gab 13 Giu 2015 19:36
Domando
Come si comportano i neutrini quando incontrano nel loro cammino un buco
nero? Ci vanno dritti dentro o schivano creando una curvatura?
C'è qualche particella, o altro, che istintivamente schiva i buchi neri?
Grazie

---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Giorgio Bibbiani 16 Giu 2015 20:46
Gab ha scritto:
> Come si comportano i neutrini quando incontrano nel loro cammino un
> buco nero? Ci vanno dritti dentro o schivano creando una curvatura?

Dipende dalle condizioni iniziali e dalle caratteristiche del buco nero.

> C'è qualche particella, o altro, che istintivamente schiva i buchi
> neri?

Ad es. i cavalli istintivamente tendono a evitare le buche
(che appaiono nere all'interno se profonde) scavate nel suolo,
altro non so. ;-)

Ciao
--
Giorgio Bibbiani
Soviet_Mario 18 Giu 2015 19:48
Il 16/06/2015 20.46, Giorgio Bibbiani ha scritto:
> Gab ha scritto:
>> Come si comportano i neutrini quando incontrano nel loro cammino un
>> buco nero? Ci vanno dritti dentro o schivano creando una curvatura?
>
> Dipende dalle condizioni iniziali e dalle caratteristiche del buco nero.
>
>> C'è qualche particella, o altro, che istintivamente schiva i buchi
>> neri?

mi verrebbe da dire che se un buco nero ad elevata densità
di carica elettrica, interagisse con una particella (o
porzione di materia) pure carica e dello stesso segno, non è
definito a priori se l'interazione fosse attrattiva o
repulsiva, dipendendo dalla sovrapposizione dei due campi
(elettrostatico e gravitazionale *).

Vagamente intuisco (spero bene) che avendo i due campi la
stessa identica dipendenza dalla distanza, la prevalenza
calcolabile in una posizione qualsiasi resterebbe poi
invariata in qualunque altro (anche se la differenza forse
non resterebbe costante, avendo una dipendenza quadratica
inversa). Però le due curve non si possono intersecare ...
credo. Boh


(*) ignoro assolutamente l'effetto di una eventuale
componente magnetica, anche se sospetto che non sarebbe
trascurabile nel conto qualora i due oggetti carichi
avessero anche inizialmente una componente relativa di moto
(a maggior ragione ignoro se la situazione sarebbe
differente se il moto fosse radiale o meno)

>
> Ad es. i cavalli istintivamente tendono a evitare le buche
> (che appaiono nere all'interno se profonde) scavate nel suolo,
> altro non so. ;-)
>
> Ciao
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Giorgio Bibbiani 19 Giu 2015 19:38
Soviet_Mario ha scritto:
> mi verrebbe da dire che se un buco nero ad elevata densità
> di carica elettrica,

Bisognerebbe pero' *definire* il concetto di densita' di carica
per un buco nero (BH), in ogni caso un BH e' *completamente*
caratterizzato se sono noti i valori della sua massa, carica elettrica,
momento angolare.

> interagisse con una particella (o
> porzione di materia) pure carica e dello stesso segno, non è
> definito a priori se l'interazione fosse attrattiva o
> repulsiva, dipendendo dalla sovrapposizione dei due campi
> (elettrostatico e gravitazionale *).

In RG il campo gravitazionale non e' definito, i fenomeni
gravitazionali risultano una conseguenza della curvatura
dello spaziotempo.

> Vagamente intuisco (spero bene) che avendo i due campi la
> stessa identica dipendenza dalla distanza, la prevalenza
> calcolabile in una posizione qualsiasi resterebbe poi
> invariata in qualunque altro (anche se la differenza forse
> non resterebbe costante, avendo una dipendenza quadratica
> inversa). Però le due curve non si possono intersecare ...
> credo. Boh

Le cose sono decisamente piu' complicate (e detto questo ho
praticamente esaurito le mie conoscenze sull'argomento ;-),
v. sopra.

> (*) ignoro assolutamente l'effetto di una eventuale
> componente magnetica,

Che credo potrebbe essere associata a 2 situazioni di base:
- BH carico e rotante, genera un campo magnetico
non nullo che agisce su cariche in moto
- BH carico non rotante, genera un campo elettrostatico
che agisce su momenti magnetici in moto (a cui quindi
si associano dei momenti di dipolo elettrici).

> anche se sospetto che non sarebbe
> trascurabile nel conto qualora i due oggetti carichi
> avessero anche inizialmente una componente relativa di moto
> (a maggior ragione ignoro se la situazione sarebbe
> differente se il moto fosse radiale o meno)

Mah, sono ragionamenti puramente teorici, nessuna osservazione
ha mai rivelato la presenza di una carica elettrica significativa in
un BH, e comunque da un punto di vista teorico pare che si dubiti
che esistano nell'universo BH dotati di carica elettrica significativa,
visto che durante la loro formazione le cariche in eccesso dello
stesso segno (necessarie per dare una carica netta finale al BH)
sarebbero state soggette a una forza repulsiva, e non si sarebbero
quindi accumulate in quantita'.

Termino con un avviso, ho provato a dire qualcosa ma questo e'
un argomento su cui dovrebbero rispondere degli specialisti...

Ciao
--
Giorgio Bibbiani

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Le leggi della Natura | Tutti i gruppi | it.scienza.fisica | Notizie e discussioni fisica | Fisica Mobile | Servizio di consultazione news.