Le leggi della Natura
 

Altri dubbi sempre sul big bang :)

Soviet_Mario 6 Set 2015 00:37
Non so come venga definito lo stato all'istante esatto del
big bang, anche se ho letto (forse equivocando) che le leggi
della fisica nota non sarebbero applicabili ad esso
(servirebbe una teoria della gravità quantistica, ma boh, la
rivendo per come l'ho letta, accettando dogmaticamente la
dichiarazione).

In ogni caso, mi chiedevo quali degli attuali "descrittori"
dello stato di un sistema fisico fossero applicabili anche
all'ENTE primordiale che è esistito nell'istante del Big Bang.

1) presumendo che avesse un'energia (cioè che questa
grandezza fosse definita, a prescindere dal fatto che fosse
costante o meno, ma almeno mediamente costante), si può
inferire una qualche relazione tra questa energia
complessiva iniziale e l'attuale energia totale
dell'universo ? P.S. sempre divulgativamente, lessi che essa
è zero (sommando tutte le energie positive con quella
gravitazionale, che invece è negativa). Ebbene, ammesso che
sia vero, era zero anche per l'ENTE primevo ?
Si può invocare il principio di conservazione dell'energia
totale ? (e se esistono cautele al riguardo, che natura
hanno ?).

2) è lecito porsi problemi *****oghi al precedente (ossia la
relazione tra certe "quantità iniziali" e le "quantità
totali del presente"), relativamente a :
* carica elettrica totale
* momento angolare

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

3) qui sono più diffidente : ha un senso interrogarsi su
altre forme di energia cinetica macroscopica, non di tipo
rotazionale (Come sopra) ma di tipo traslazionale, visto che
non esiste(rebbe) alcuno spazio fisso di riferimento o altro
punto ?
La domanda sembra b*****e, e forse lo è, ma ci stavo pensando
per una ragione : se l'energia cinetica traslazionale,
difficilmente definibile a meno di fissare un riferimento, è
una sorta di parametro libero aggiustabile ad hoc, non
potrebbe essere una componente dell'energia totale avente
esattamente la quantità giusta per far tornare i conti
gravitazionali ? Mi è stato detto che, insieme alla massa,
ed altro, l'energia è uno degli enti all'origine della
gravità. Ebbene, se lo è anche l'energia cinetica
traslazionale, allora anche essa mi parrebbe essere sorgente
di gravità.

Vabbè, per ora mi fermo



--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus
Massimo 456b 7 Set 2015 14:14
"Soviet_Mario" <SovietMario@CCCP.MIR> ha scritto nel messaggio
news:msfqn7$gut$1@dont-email.me...
> Non so come venga definito lo stato all'istante esatto del big bang,

una singolarità,
come un cono che nel suo vertice
vede degenerare le sezioni
circolari in un punto.
In quel punto cade il teorema delle
sezioni parallele.
Quindi un ente teorico dove il limite di qualcosa
che tende a infinito non è più quella cosa
ma "altro". Se prima potevi
fare delle misure qui ti devi fermare
su valori infinitamente grandi o piccoli.

ciao
Massimo
Elio Fabri 9 Set 2015 21:21
Soviet_Mario ha scritto:
> Non so come venga definito lo stato all'istante esatto del big bang,
> anche se ho letto (forse equivocando) che le leggi della fisica nota
> non sarebbero applicabili ad esso (servirebbe una teoria della
> gravit quantistica, ma boh, la rivendo per come l'ho letta,
> accettando dogmaticamente la dichiarazione).
Quello "stato" nn può esere definito ... per definizione :-)
L'"istante esatto", come scrivi, sarebbe una *singolarità*, dove varie
grandezze fisiche diventerebbero infinite: temperatura, pressione,
densità...
Nessuna teoria fisica può maneggiare una tale situazione, che d'altra
parte è inevitabile per la RG: esistono in proposito vecchi teoremi di
Hawking-Penrose.

Per cui c'è una sola via d'uscita: deve esserci qualcosa che rende
invalida la RG in qeulle condizioni, per cui in realtà la singolarità
(necessaria, ripeto, per la RG) in effetti non sia presente.
Con argomenti nemmeno tanto difficili, si vede che *nei pressi* della
singolarità diventano certamente importanti effetti questistici, che
la RG ignora.
Ergo: siccome della RG non si può fare a meno, ma lì occorre anche la
MQ, è indispensabile una *sintesi* delle due teorie.

I tentativi durano da tempo, al momento senza risultati (diciamolo
chiaro, perché quelli che ci lavoroano non lo dicono tanto volentieri,
e si capisce...).
Il mio sospetto è che ci sia un motivo per gli insuccessi: *non sono
abbastanza rivoluzionari*.
Bisogna tornare con la mente agli anni '20 del secolo scorso, a che
cosa è stata (come rivoluzione) la nascita della MQ.
Al confronto gli attuali ricercatori sono troppo conservatori: tutto
sommato si limitano ad applicare la MQ a strutture nuove (le stringhe,
lo spazio-tempo).
Invece credo che bisognerebbe andare anche *oltre* la MQ.

Non mi chiedere come si fa :-)
Se lo sapessi, e se avessi l'età, non sarei qui a covnersare
amabilmente con te :-))

> In ogni caso, mi chiedevo quali degli attuali "descrittori" dello
> stato di un sistema fisico fossero applicabili anche all'ENTE
> primordiale che è esistito nell'istante del Big Bang.
> ...
Scusa la durezza, ma codeste per me sono parole in libertà e basta...

> P.S. sempre divulgativamente, lessi che essa è zero (sommando tutte
> le energie positive con quella gravitazionale, che invece negativa).
> Ebbene, ammesso che sia vero, era zero anche per l'ENTE primevo?
Sì lo so, si legge di tutto.
A mio giudizio sono boiate.
Anche se le scrivono "eminenti" ricercatori :-(

> Si può invocare il principio di conservazione dell'energia totale? (e
> se esistono cautele al riguardo, che natura hanno?).
Appunto...
Una cosa che non si dice mai (temo che molti anche "esperti" non la
conoscano neppure) è che in RG *la conservazione dell'energia non vale*.

> ...
> Vabbè, per ora mi fermo
Meglio tardi che mai :-D


--
Elio Fabri
Soviet_Mario 10 Set 2015 20:32
Il 09/09/2015 21.21, Elio Fabri ha scritto:
> Soviet_Mario ha scritto:

CUT ALL

>> Si può invocare il principio di conservazione dell'energia
>> totale? (e
>> se esistono cautele al riguardo, che natura hanno?).
> Appunto...
> Una cosa che non si dice mai (temo che molti anche "esperti"
> non la
> conoscano neppure) è che in RG *la conservazione
> dell'energia non vale*.

uhm ... l'applicazione cervello non risponde ...
... l'applicazione cervello ha smesso di funzionare ...
(terminare il processo ? cercare soluzioni online ?)
:)

mai sospettata una cosa simile, né intuisco cosa implichi ...

>
>> ...
>> Vabbè, per ora mi fermo
> Meglio tardi che mai :-D
>


--
1) Resistere, resistere, resistere.
2) Se tutti pagano le tasse, le tasse le pagano tutti
Soviet_Mario - (aka Gatto_Vizzato)


---
Questa e-mail è stata controllata per individuare virus con Avast antivirus.
https://www.avast.com/antivirus

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Le leggi della Natura | Tutti i gruppi | it.scienza.fisica | Notizie e discussioni fisica | Fisica Mobile | Servizio di consultazione news.